• 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

365giornizen

Nell’antichità la felicità era una ricompensa per pochi eletti selezionati. In un momento successivo venne concepita come un diritto universale che spettava a ogni membro della specie umana. Successivamente, si trasformò in un dovere: sentirsi infelici provoca senso di colpa. Dunque chi è infelice è costretto, suo malgrado, a trovare una giustificazione alla propria condizione esistenziale.
(Zigmunt Bauman)

Grazie Gassho

#365GiorniZEN

Unisciti al nostro gruppo su Facebook, siamo già in tanti! clicca QUI

Massimiliano Farucci

  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •