• 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

365giornizen

“Molti si accostano allo zazen con l’idea che sarà piacevole e confortevole. Ma lo zazen offre momenti che sono tutto salvo che confortevoli. Il semplice sedere nel momento presente sgretola le pareti protettive della struttura egoica, e il risultato è confusione e sofferenza. Sperimentare fisicamente la confusione e il dolore, invece di evitarli, è la chiave per la libertà. Dobbiamo abbracciare la pena, farne la nostra migliore amica, e con il suo aiuto sbocciare alla libertà.”
(Charlotte Joko Beck, Zen quotidiano)

Abbandonare l’Ego, per scoprire la “Vera Natura del Sé“, è un processo lungo e difficile. Sedere in Zazen è una pratica che si basa sul coraggio, l’apertura mentale, la determinazione. Conquistare la libertà richiede uno sforzo per superare confusione e dolore.

Comincia subito, leggi QUI.

Gassho

Massimiliano Farucci

  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •