•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

365 giorni zen

“E’ facile abbracciare il superficiale, ma è difficile abbracciare il profondo”(Nichiren Daishonin)

Abbandonare la superficiale vita di tutti i giorni, fatta di sensi e desideri, non significa isolarsi e vivere da asceti in una grotta o su una montagna. Al contrario, significa semplicemente “vedere le cose” comuni, in una maniera diversa. Dare senso a ciò che si fa. Vivere ogni istante in consapevolezza, senza stordimenti, senza automatismi. Essere continuamente al “proprio posto“. Questo significa abbracciare il profondo.
Grazie, Gassho.

Massimiliano Farucci

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •