• 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

365giornizen

“Tutto è vuoto, tutto è possibile”
(Nagarjuna)

Per noi occidentali parlare di “vuoto” significa indicare il nulla, ovvero la fine di ogni cosa, per gli orientali invece è esattamente il contrario, questo rappresenta la possibilità di ogni cosa. Faccio un esempio, per poter arredare una stanza, è necessario prima svuotarla completamente di ogni cosa. Ecco questo è il principio su cui si fonda la pratica Zen. Superare il corpo e la mente, cioè la realtà delle sole sensazioni o il mondo esclusivamente intellettuale, per poter raggiungere il proprio “centro“, il proprio “vero sè”, l’essenza, il “vuoto“, cioè la “sorgente” di ogni possibilità di vita reale.
Gassho

Massimiliano Farucci

  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •