•  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

365giornizen

“Simile all’acqua che riempie uno stagno ma è sempre pronta a defluirne, lo spirito può ogni volta agire con la sua inesauribile forza, perchè è libero, e aprirsi a tutto perchè è vuoto.”
(Eugen Herrigel)

Trascendere la mente ed il corpo è lo scopo/non-scopo dello Zen, attraverso la pratica. Elevarsi oltre la soglia della materialità, pur attraverso l’osservazione consapevole e non “giudicante” della realtà che ci circonda, conduce alla esperienza del “vuoto“. Questo vuoto però non è il nulla, ma al contrario, è la “sorgente”: la natura accogliente e generatrice di tutte le cose. Questa è la pratica Zen.
Gassho

Massimiliano Farucci

Questo articolo è stato scritto da Massimiliano Farucci. Di sé stesso dice, di essere semplicemente un "cercatore". Da anni, infatti, si dedica alla ricerca di vari percorsi di crescita personale ed interiore. Ha cominciato studiando da autodidatta le tecniche di "cambiamento personale" e la "psicologia". Quindi si è interessato alle filosofie orientali, tra cui il Buddismo. Ha intrapreso un percorso di pratica nella tradizione Zen. Non ha abbandonato tuttavia la sua passione per la psicologia e la crescita personale, lavorando oggi per scovare degli "interessanti punti comuni" tra la Scienza occidentale e la Saggezza orientale.
Massimiliano Farucci

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •