• 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

365giornizen

“La compassione è ciò che rende felici tutti gli esseri senzienti.”
(Lama Zopa Rinpoche)

Finchè c’è separazione dagli altri esseri viventi, non può esserci felicità. Solo quando si ha consapevolezza della interdipendenza di tutti i fenomeni e di tutti gli esseri, si attua la vera compassione. “Cum Patire“, cioè “patire con“, questo significa compassione, essere partecipi della sofferenza altrui, immedesimarsi, farsene carico come fosse propria, senza giudicarla. Questo ha scoperto il  Buddha Sakyamuni e questo insegna il buddismo Zen.
Gassho

Massimiliano Farucci

Questo articolo è stato scritto da Massimiliano Farucci. Di sé stesso dice, di essere semplicemente un "cercatore". Da anni, infatti, si dedica alla ricerca di vari percorsi di crescita personale ed interiore. Ha cominciato studiando da autodidatta le tecniche di "cambiamento personale" e la "psicologia". Quindi si è interessato alle filosofie orientali, tra cui il Buddismo. Ha intrapreso un percorso di pratica nella tradizione Zen. Non ha abbandonato tuttavia la sua passione per la psicologia e la crescita personale, lavorando oggi per scovare degli "interessanti punti comuni" tra la Scienza occidentale e la Saggezza orientale.
Massimiliano Farucci

  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •