Nello Zen Ci Viene Richiesta Una Cosa Difficile (365 Giorni ZEN)

  •  
  • 5
  •  
  •  
  •  
  •  

365giornizen

“Nello Zen ci viene richiesta una cosa difficile: l’attenzione a questo preciso momento, alla totalità di ciò che accade ora. Il motivo per cui non vogliamo fare attenzione è che non sempre ciò che accade è piacevole. Non ci va.”
(Charlotte Joko Beck, Zen quotidiano)

La vita va vissuta pienamente. Nei momenti piacevoli ed in quelli spiacevoli. La pratica ci aiuta a comprendere, giorno dopo giorno, che tutto è impermanente; qualsiasi cosa ci accada è destinato a non durare nel tempo.

Questa “disidentificazione” dagli accadimenti quotidiani, è la vera “Gioia” dello Zen.

Impara a praticare leggi QUI.

Gassho

 

 

Massimiliano Farucci

Massimiliano Farucci

Questo articolo è stato scritto da Massimiliano Farucci. Di sé stesso dice, di essere semplicemente un “cercatore“. Da anni, infatti, si dedica alla ricerca di vari percorsi di crescita personale ed interiore. Ha cominciato approcciando al coaching e studiando tecniche di “cambiamento personale“. E’ passato attraverso la psicologia, la mindfulness, la salute ed il benessere. Ben presto si è imbattuto nelle filosofie orientali, tra cui il Buddismo. Pur continuando ad approfondire le varie scuole e filosofie, ha cominciato un percorso di pratica nella tradizione Zen. Non ha abbandonato la psicologia e la crescita personale, lavorando oggi per scovare degli “interessanti punti comuni” tra la Scienza occidentale e la Saggezza orientale.
Massimiliano Farucci

  •  
  • 5
  •  
  •  
  •  
  •