•  
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  

365giornizen

“Se volete ottenere l’illuminazione, non dovete studiare innumerevoli insegnamenti. Approfonditene solo uno. Quale? La grande compassione. Chiunque abbia grande compassione, possiede tutte le qualità del Buddha nel palmo della propria mano.”
(Gautama Buddha)

Esercitare la Compassione non significa avere pietà. Nel buddismo significa “cum patire“, cioè “patire con…“, ovvero farsi carico della sofferenza altrui. Solo chi condivide la sofferenza, può esercitare l’empatia. Dunque attraverso questa pratica è possibile comprendere lo stato d’animo degli altri ed in questo modo provare a lenire questa “sofferenza“. Questa è la reale “Via dell’illuminazione“.
Gassho

Massimiliano Farucci

Massimiliano Farucci

Questo articolo è stato scritto da Massimiliano Farucci. Di sé stesso dice, di essere semplicemente un "cercatore". Da anni, infatti, si dedica alla ricerca di vari percorsi di crescita personale ed interiore. Ha cominciato studiando da autodidatta le tecniche di "cambiamento personale" e la "psicologia". Quindi si è interessato alle filosofie orientali, tra cui il Buddismo. Ha intrapreso un percorso di pratica nella tradizione Zen. Non ha abbandonato tuttavia la sua passione per la psicologia e la crescita personale, lavorando oggi per scovare degli "interessanti punti comuni" tra la Scienza occidentale e la Saggezza orientale.
Massimiliano Farucci

  •  
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •