•  
  • 7
  •  
  •  
  •  
  •  

365giornizen

“Gentilezza e sensibilità non sono segno di debolezza e disperazione, ma manifestazione di forza e risolutezza.”
(Kahlil Gibran)

Chi pratica la meditazione seduta (Zazen), nel silenzio, si radica sempre più nel proprio “centro“. Presenza, determinazione, consapevolezza. Diviene lentamente più “distaccato” dai sentimenti negativi, quali la rabbia, la prevaricazione, la competitività. Coltiva, sempre più, sentimenti benevoli come la gentilezza e la sensibilità. Questa è la forza e la risolutezza dello Zen.
gassho

Massimiliano Farucci

Massimiliano Farucci

Questo articolo è stato scritto da Massimiliano Farucci. Di sé stesso dice, di essere semplicemente un "cercatore". Da anni, infatti, si dedica alla ricerca di vari percorsi di crescita personale ed interiore. Ha cominciato studiando da autodidatta le tecniche di "cambiamento personale" e la "psicologia". Quindi si è interessato alle filosofie orientali, tra cui il Buddismo. Ha intrapreso un percorso di pratica nella tradizione Zen. Non ha abbandonato tuttavia la sua passione per la psicologia e la crescita personale, lavorando oggi per scovare degli "interessanti punti comuni" tra la Scienza occidentale e la Saggezza orientale.
Massimiliano Farucci

Latest posts by Massimiliano Farucci (see all)


  •  
  • 7
  •  
  •  
  •  
  •