•  
  •  
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  

individualismo

Uno dei più grandi problemi del nostro tempo è l’individualismo.
Questo termine può essere inquadrato in svariati contesti.
In ogni caso significa focalizzarsi sui propri interessi, senza curarsi degli altri.

Chi tende a far prevalere gli interessi o le tendenze personali su quelle della collettività è un individualista.

Perchè questo atteggiamento non conviene?

 

Dove c’è individualismo spesso c’è avidità, incomprensione, egoismo e le conseguenze di questo atteggiamento sono il subire la frustrazione, l’isolamento, la mancanza di solidarietà, la solitudine, lo scontro.

L’individualismo ad un livello più alto è quello che mette contro le nazioni, i popoli, le razze, le religioni.

Ma come è possibile pensare ad un futuro per noi e per le generazioni a venire, se non c’è spirito comune?
Noi viviamo in un sistema, dal quale non possiamo astrarre.

Come pensiamo di poterci realizzare, di vivere sereni e di vivere in armonia, se continuamente facciamo solo i nostri interessi, senza pensare alle conseguenze sul sistema in cui viviamo?

Ad ogni azione corrisponde sempre una reazione. Ricordiamolo!

E’ anche vero che tutti necessitiamo di una “sana dose” di individualismo, così da riuscire a realizzare in totale libertà i nostri obiettivi e le nostre strategie…

Ok!

Ma oggi la nostra società, per come l’abbiamo e per come stiamo continuando a costruirla, ci spinge sempre più a diventare tutti degli “esperti”, dei “professionisti” dell’ individualismo.

La competizione sempre più esasperata, l’arricchimento a tutti i costi e spesso in modo poco “etico”, la mancanza di valori, l’egoismo ed il cercare di prevalere su tutto a scapito degli altri, ci conducono all’individualismo.

Così non funziona!

Il contrario dell’ individualismo si esprime nell’ essere altruisti, generosi, solidali.
Per fare questo però è necessario aprirsi agli altri.
Avere un rapporto sano con il prossimo.
Aprirsi il più possibile all’idea di “Amicizia disinteressata”.

L’amicizia dovrebbe essere un atteggiamento mentale, non legato all’utilità, ma al piacere di stare insieme. Ed in effetti, il più delle volte, nella vita reale l’amicizia è questo.
Significa condividere momenti piacevoli insieme, spesso senza alcuno scopo.
L’essere umano si nutre di sorrisi, di relazioni positive, di scambio continuo di opinioni ed idee.

Perchè tutto questo sta diventando sempre più difficile da attuare?
Forse perchè ci stiamo sempre più chiudendo in noi stessi?

Viviamo nelle nostre “celle fisiche e mentali” e sempre più abbiamo paura di confrontarci apertamente con gli altri.

Sempre più ci nascondiamo dietro paraventi pseudo-social, senza più renderci conto che dietro ogni account c’è una persona.

In questo modo si rischia l’isolamento.

Ed allora apriamoci al prossimo, cerchiamo legami reali, cerchiamo di contemperare le nostre esigenze con quelle altrui.

Cerchiamo l’Amicizia senza scopo.

Consideriamo il rapporto con gli altri un arricchimento reciproco e non un scontro continuo.

Da tutto ciò deriva che: essere individualisti non conviene.

 

Anche tu sei convinto che essere individualisti non conviene? Dimmelo giù nei commenti.

Qui ho un’altro suggerimento per te: CALMA LA MENTE-SCIMMIA

Massimiliano Farucci

Questo articolo è stato scritto da Massimiliano Farucci. Di sé stesso dice, di essere semplicemente un "cercatore". Da anni, infatti, si dedica alla ricerca di vari percorsi di crescita personale ed interiore. Ha cominciato studiando da autodidatta le tecniche di "cambiamento personale" e la "psicologia". Quindi si è interessato alle filosofie orientali, tra cui il Buddismo. Ha intrapreso un percorso di pratica nella tradizione Zen. Non ha abbandonato tuttavia la sua passione per la psicologia e la crescita personale, lavorando oggi per scovare degli "interessanti punti comuni" tra la Scienza occidentale e la Saggezza orientale.
Massimiliano Farucci

  •  
  •  
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •